I.R.A.S.E.
 

Istituto per la Ricerca Accademica
 Sociale ed Educativa

Sede di BARI - Via Marchese di Montrone, 130  

tel. 360 826161 - 338 9089520 - fax 080 5237913

 

ACQUISTO BENI ALUNNI DISABILI

 Tutti i beni destinati agli alunni disabili sono soggetti all’aliquota agevolata del 4%?

NO!

La normativa di riferimento è l’art. 2 comma 9 del D.L. 669 del 31.12.1996 convertito in L. 28.02.1997 n. 30. L’aliquota agevolata si applica per l'acquisto di sussidi tecnici e informatici relativi a menomazioni funzionali permanenti e rivolti a facilitare l'autosufficienza e l'integrazione dei soggetti portatori di handicap.

Hanno diritto a tale agevolazione esclusivamente disabili con menomazioni di natura motoria o sensoriale che, per fruirne, devono presentare il verbale di invalidità civile o il certificato di situazione di handicap, la prescrizione della ASL che attesta il collegamento funzionale tra sussidio e natura della menomazione, l'eventuale autocertificazione nella quale si attesta di essere in possesso dei requisiti necessari alla fruizione dell'agevolazione (sulla fattura rilasciata del rivenditore va indicato "Aliquota IVA al 4% ai sensi dell'art. 2, comma 9, del D.L. 31/12/96 n. 669 convertito dalla legge 28/2/97 n. 30”).

 Che si tratti di attrezzature, non anche il materiale di consumo, è acclarato nel Decreto del Ministero delle Finanze 14.03.1998 che all’art. 2 comma 1 prevede:

 = omissis =

Articolo 2

“1. Si considerano sussidi tecnici ed informatici rivolti a facilitare l’autosufficienza e l’integrazione dei soggetti portatori di handicap le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti ad assistere la riabilitazione, o a facilitare la comunicazione interpersonale, l’elaborazione scritta o grafica, il controllo dell’ambiente e l’accesso alla informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio.”

= omissis =

 Quindi, si considerano sussidi tecnici-informatici - rivolti a facilitare l'autosufficienza e l'integrazione dei soggetti portatori di handicap - le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti ad assistere la riabilitazione, o a facilitare la comunicazione, l’elaborazione scritto- grafica ed il controllo dell'ambiente oltre che l'accesso all'informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio.

 

La documentazione relativa alla menomazione ed al collegamento funzionale tra menomazione e sussidio tecnico è prodotta dalla ASL, come indicato nel comma 2 dell’art. 2 dello stesso Decreto Min. Finanze:

Articolo 2

= omissis =

“2. I soggetti portatori di handicap, ai fini dell’applicazione dell’aliquota del 4 per cento, per le cessioni dei sussidi tecnici ed informatici effettuate direttamente nei loro confronti producono il certificato attestante l’invalidità funzionale permanente rilasciato dalla unità sanitaria locale competente e la specifica prescrizione autorizzativa rilasciata dal medico specialista della azienda sanitaria locale di appartenenza dalla quale risulti il collegamento funzionale tra il sussidio tecnico ed informatico e la menomazione di cui sopra.

3. La documentazione prevista nel precedente comma è prodotta al cedente anteriormente all’effettuazione della cessione ovvero all’ufficio doganale all’atto della presentazione della dichiarazione di importazione.”

= omissis =

Si allega fac-simile della dichiarazione che il Dirigente Scolastico dovrà allegare all’ordine di acquisto e consegnare alla ditta, ai fini dell’agevolazione dell’imposta. 

12.04.2007

 

DSGA Callea Carlo

SMS Massari Galilei - Bari

 

 
  torna a FOCUS

Copyright 2007 - info@irasebari.it