I.R.A.S.E.
 

Istituto per la Ricerca Accademica
 Sociale ed Educativa

Sede di BARI - Via Marchese di Montrone, 130  

tel. 360 826161 - 338 9089520 - fax 080 5237913

 

E’ POSSIBILE RADIARE I RESIDUI E NON RIDETERMINARE L’AVANZO?

 

IL VERBALE DI APPROVAZIONE DEL CONTO CONSUNTIVO 2007 DEI REVISORI

I Revisori dei Conti per approvare il conto consuntivo utilizzano lo schema di verbale ATHENA che, per l’anno 2007, esegue in automatico la quadratura di taluni dati.

In particolare, rileva i dati contabili dell’Avanzo di Amministrazione dal verbale di approvazione del conto consuntivo 2006.

Ora, se la scuola ha provveduto ad eseguire radiazioni il verbale segnala la squadratura.

La circolare del MEF – Dip. Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato Generale di Finanza Ufficio IV (v. allegato) prot. n. 0044455 del 07.04.2008 ha fornito indicazioni sui controlli da eseguire, acclarando però una evidente inesattezza: la radiazione dei residui non si effettua rideterminando l’Avanzo di Amministrazione in quanto “..….l’avanzo di amministrazione, definitivamente accertato al termine di un esercizio e risultante dal relativo conto consuntivo approvato, è immutabile e non può essere oggetto di ‘variazioni’ in relazione ad operazioni di radiazione di tale esercizio: la radiazione dei residui attivi o passivi influirà sulle risultanze definitive dell’esercizio in cui l’operazione di riaccertamento si verifica e non su quelle dell’esercizio precedente…….”

E più avanti prescrive “…..Pertanto, qualora talune voci di residui attivi appaiano di incerta riscossione, le previsioni di spesa dovranno essere impostate in modo prudenziale, prevedendo un’adeguata quota di risorse ritenute al momento non disponibili e da registrare come ‘disponibilità da programmare’….”

Vediamo se le predette prescrizioni siano possibili:

  1. La radiazione di un residuo determina sicuramente la variazione dell’Avanzo di Amministrazione poiché costituisce un credito o un debito accertato/impegnato negli esercizi precedenti (Bilancio di competenza art. 2 co. 1 DI 44/2001)
  2. Anche se è possibile determinare una variazione all’esercizio di gestione per la radiazione del residuo passivo (la maggiore entrata si programma e si accerta nel PA di competenza), non è assolutamente possibile determinare la variazione nell’esercizio di gestione per la radiazione di un residuo attivo, perché nelle Entrate del PA si verificherebbe squadratura tra previsione e accertamento: programmazione e accertamento nel PA Aggr. 7/4 Entrate Diverse cosa dovrebbero prevedere e accertare? Un importo negativo?
  3. La radiazione comporta necessariamente l’utilizzo dell’Aggregato Z1, ma si tratta pur sempre di una voce di spesa, che insieme alle spese dei progetti e del fondo riserva deve pareggiare con le Entrate.

    E’ necessario rivedere alcuni principi della circolare citata ad evitare l’angoscia di rilievi infondati.

 

Forza

    

DSGA Callea Carlo
 

 
  torna a FOCUS

Copyright 2008 - info@irasebari.it